Comune di Sant'Angelo di Piove di Sacco (PD)

dove mi trovo :   IL COMUNE  -  Servizi Sociali  -  Attività  -  Laboratorio di cucina

Le cose buone di una volta. Riscoperta di sapori nella cucina della nonna.

foto laboratorio cucina
La proposta del laboratorio nasce dalla necessità di allargare le conoscenze ed affiancare all’aspetto nutrizionale dell’alimentazione, attività di ricerca sperimentale per mezzo di semplici, ma coinvolgenti esperienze di manipolazione, preparazione ed assaggio di alimenti.

La scelta di tale percorso nasce dal fatto che la sola conoscenza nutrizionale del cibo, non è sufficiente a far acquisire abitudini alimentari corrette, in quanto le scelte  di consumo sono condizionate da componenti culturali ed emotive.

Il laboratorio ha coinvolto alunni delle classi terze elementari dei plessi di Celeseo (16 alunni) e Vigorovea (12 alunni) è stato un momento di approfondimento di temi trattati nelle discipline curricolari.

L’esperienza si è attuata in due lezioni di 3 ore ciascuna, i gruppi sono stati seguiti dalla prof.ssa Franca Punchina, con il prezioso aiuto di alcuni anziani del circolo Auser e sotto la supervisione degli insegnanti di classe.

Scopo del laboratorio è addentrarsi nel territorio del cibo di una volta preparando  assaggiando e gustando alcune ricette della cucina della nonna: la pinza, i zaeti e la pasta all’uovo fatta in casa.
 
foto laboratorio cucina
FINALITA':
  • comprendere l'importanza dell'alimentazione come fatto nutrizionale, dietetico, comportamentale, comunicativo;
  • migliorare, attraverso la manipolazione di alimenti, utensili e strumenti la capacità di controllo dei movimenti nello spazio e la motricità fine;
  • promuovere attenzione e curiosità verso il cibo;
  • produrre semplici preparati alimentari, manipolando materie prime;
  • prendere coscienza del modello alimentare del proprio territorio e del modello alimentare del passato;
  • riflettere sul valore culturale-antropologico delle abitudini alimentari;
  • integrare i bambini con le persone anziane della loro comunità;
  • portare glia anziani nelle scuole elementari per condividere momenti della loro vita con gli alunni.
 
foto laboratorio cucina
Prima lezione (4 dicembre 2007)

La lezione con gli alunni del plesso di Celeseo ha avuto come tema la realizzazione di dolci della tradizione della campagna veneta, la pinza: dolce veneto antichissimo, a base di pane raffermo, uva fichi secchi, mele, semi aromatici ecc. e i "zaeti": biscotti a base di farina di mais.
Gli alunni hanno assistito e partecipato all'impasto, cottura delle ricette ed hanno alla fine assaggiato i prodotti realizzati.
Inoltre l'insegnate ha fornito agli alunni biscotti pan di zucchero, da lei preparati, da decorare con glassa di zucchero.
 
Seconda lezione (29 gennaio 2008)

La lezione con gli alunni del plesso di Vigorovea ha avuto come tema la pasta "fatta in casa".
Gli alunni hanno assistito e partecipato all'impasto, preparazione di sfoglia all'uovo per tagliatelle con mattarello e macchinetta tagliapasta. Ad ognuno è stata consegnata una porzione di tagliatelle da cuocere ed assaggiare a casa.
 
foto laboratorio cucina
Materiale fornito
  • i comandamenti in cucina: regole di comportamento durante attività di laboratorio di cucina;
  • ricette.
 
I comandamenti in cucina.pdf - 114.5 KB
114.5 KB
 
I Comandamenti in Cucina
 
ricette - 164.5 KB
164.5 KB
 
Ricette
 
VALUTAZIONE DELL'ESPERIENZA

La nostra valutazione dell’esperienza è senz’altro positiva anche perché le classi incontrate erano molto motivate e preparate, gli alunni hanno dimostrato di aver approfondito in classe e la lezione pratica è stato solo il momento conclusivo di un lavoro più ampio e completo.
E’ stato inoltre un’esperienza entusiasmante lavorare a fianco degli anziani ai quali vogliamo esprimere la nostra gratitudine, le lezioni hanno rappresentato un significativo momento di integrazione sociale e lo scambio è stato reso possibile dalla vivacità e disponibilità delle persone intervenute.
La nostra associazione nella ricerca del benessere psico-fisico pone particolare attenzione all’alimentazione, come fatto nutrizionale, dietetico, comportamentale, comunicativo, culturale. Ha perciò, tra i suoi scopi, anche quello di promuovere la cultura enogastronomia italiana, organizza incontri in cucina: lezioni per imparare o riscoprire piatti della tradizione, per conoscere produttori e prodotti di qualità, per mettere a confronto la nostra cucina con quella di altri paesi.
Per i bambini e per i ragazzi propone laboratori di educazione alimentare attraverso giochi ed attività di manipolazione degli alimenti sia per una conoscenza specifica nel campo alimentare che per l’acquisizione di una sempre maggiore autonomia operativa.
Si auspica perciò di avere solo iniziato un percorso di collaborazione che potrebbe coinvolgere gli alunni delle scuole e gli anziani per la ricerca delle tradizioni del territorio, il confronto con le altre realtà alimentari, la promozione dei prodotti tipici attraverso approfondimenti teorici ed semplici attività pratiche.