Imu Tasi e Tari

Image Imu  Tasi e Tari

Scadenze e informazioni in merito alla tassazione 2017

IMU

Scadenze: 16 Giugno -acconto-  e 16 Dicembre -saldo-
E' un imposta destinata principalmente al Comune, in relazione al possesso di beni immobili. E' dovuta dal proprietario, dall'usufruttuario, dal titolare del diritto reale di uso, abitazione o superficie (titolari di diritti reali, a seguito di atto notarile), di fabbricati, terreni agricoli ed aree fabbricabili.

Dal 1° Gennaio 2014 non è dovuta sulle abitazioni principali e relative pertinenze, ad eccezione di quelle di lusso accatastate nelle categorie A1, A8, A9.

Dal 1° Gennaio 2016 non è dovuta per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e IAP iscritti nella previdenza agricola.

Dal 1° Gennaio 2016, inoltre, per legge è introdotta una nuova disciplina per le unità immobiliari concesse in comodato gratuito a genitori o figli, ed è prevista la riduzione delle imposte IMU e TASI del 25%  per gli immobili ad uso abitativo locati a canone concordato ai sensi della Legge n. 431/1998.

Sono soggetti all'IMU tutti i fabbricati, terreni agricoli e aree edificabili, esclusa l'abitazione principale e una pertinenza per categoria (C6, C2, C7) e le aliquote da applicare sono:

- 0,76 % per fabbricati e aree edificabili;

- 0,86% per terreni agricoli.

Per abitazione principale si intende l'unità immobiliare iscritta a catasto nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedo anagraficamente.

Per pertinenza dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C6, C2,C7, nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna categoria catastale indicata.

Sono assimilate all'abitazione principale e quindi esenti Imu e Tasi:

- le abitazioni possedute da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituto di ricovero o sanitari, purchè non locate;

-una sola abitazione e relative pertinenze ammesse, posseduta a titolo di proprietà o usufrutto in Italia, da cittadino italiano residente all'estero iscritto all'Aire, già pensionato nel paese di residenza, a condizione che sia non locata e non data in comodato.

Per Legge sono esenti da Imu e Tasi:

-le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e pertinenze dei soci assegnatari, incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari.

- fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali, aventi le caratteristiche di cui al DM 22.06.2008.

- casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

-unico immobile iscritto a catasto posseduto e non locato da parte di Personale in servizio permanente delle Forze dell'Ordine, per il quale non sono richieste le condizioni di dimora abituale e della residenza anagrafica.

-l'alloggio su cui è costituito il diritto di abitazione del coniuge superstite, ex art. 540 codice civile.

Comodato gratuito

Dal 1° Gennaio 2016 la base imponibile, Imu e Tasi, delle unità immobiliari concesse in comodato dal soggetto passivo a genitori o figli che la utilizzano come abitazione principale, è ridotta del 50%, a condizione che:

-il contratto sia registrato all'Agenzia delle Entrate;

il comodante possieda, oltre a quello concesso nin comodato, un solo immobile in Italia, che deve essere l'abitazione principale del comodante e deve essere ubicato nello stesso Comune in cui è sistuato l'immobile concesso in comodato.

Per godere delle agevolazioni è necessario presentare la dichiarazione di variazione Imu, dovuta per legge.

Le modalità di pagamento rimangono quelle previste ovvero tramite F24, utilizzando gli stessi codici tributo. Il limite minimo di pagamento è di 5,00 annuali e per contribuente.

Per informazioni Ufficio Tributi

Responsabile del Procedimento

Dott.ssa Quaggia Stefania

049/9793975

tributi@santangelopiove.net

Responsabile dei Tributi

Dott.Paolo Bojan

 

TASI Imposta sui Servizi Indivisibili

 Scadenza 16 Giugno per Acconto o soluzione unica, 16 Dicembre Saldo

La Tasi è dovuta sia dal possessore che dall'eventuale utilizzatore di immobili, viene introitata dal Comune ed è destinata per legge a coprire il costo per i servizi indivisibili forniti dal Comune.

E' dovuta da chiunque possieda (a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie) o detiene a qualsiasi titolo (locazione, comodato, affitto), fabbricati ed aree edificabili, ad esclusione dei terreni agricoli e dell'abitazione principale.

Per abitazione principale valgono ai fini Tasi le stesse regole dell'Imu.

Se l'immobile è occupato dal possessore, questo versa il 100% della Tasi, mentre se l'immobile è occupato da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull'immobile (possessore), la Tasi complessivamente dovuta deve essere versata:

-per il 90% da parte del possessore;

-per il 10% da parte dell'occupante

L'Aliquota da applicare sulla rendita catastale rivalutata e incrementata del relativo coefficiente è 0,1%

I fabbricati rurali strumentali all'attività agricola  (D10 con annotazione in catasto di ruralità), così come i beni merce, costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita sono esenti per legge per l'Imu ma versano la Tasi con l'aliquota dello 0,1%.

L'importo minimo annuale è di € 5,00. Il versamento va effettuato tramite F24


 

TARI Copertura dei costi afferenti il Servizio di Igiene Urbana

 

Nulla cambia per quanto riguarda questa componente relativa all'Asporto Rifiuti. Il Consorzio Padova Sud provvederà all'invio ai contribuenti degli avvisi di pagamento. Le tariffe in vigore per l'anno 2017 sono quelle approvate per l'anno 2016.

Per informazioni 0429-619046

Sportello tutti i giorni a Piove di Sacco in Via Borgo Rossi 67

 PIANO FINANZIARIO E TARIFFE 2016 -Approvato con Deliberazione n. 10 del 27/04/2016

info 800 238 389